+ La Preghiera di Sant’Ignazio di Loyola …Tomad…Prendi, Signore

Tomad, Senor,

y recibid

toda mi libertad,

mi memoria,

mi entendimiento y

toda mi voluntad

todo mi haber y

mi poseer

vos me lo distes

a vos, Senor, lo torno

todo es vuestro

disponed a toda vuestra

voluntad,

dadme vuestro amor y

gracia

que ésta me basta.

Prendi, Signore
e accetta
tutta la mia libertà
la mia memoria,
il mio intelletto e
tutta la mia volontà
tutto il mio avere e
possesso;
Tu me lo hai dato e a te, Signore, lo rendo;
tutto è tuo
disponine secondo la tua
piena volontà:
donami il tuo amore e la tua grazia:
ché questa mi basta.   

” GESU’ si presentò a Ignazio con la croce sulle spalle, e accanto a lui c’era il PADRE che gli diceva: voglio che tu prenda costui per servitore tuo. GESU’ allora si rivolse a Ignazio dicendogli: voglio che tu ci serva… (Visione di La Storta-Via Cassia ROMA)”

Il pronome “noi” al plurale, conferisce a questa visione un’impronta trinitaria. Il Padre unisce strettamente Ignazio a Gesù carico della croce, e gli esprime la sua volontà che si dedichi al suo servizio. Ignazio (1491-1556) è chiamato alla mistica dell’unione “essere messo con Cristo” e alla mistica del servizio “consacrare la sua vita al servizio divino”.

Pegno di tutto questo è la protezione divina promessa a lui, e a tutto il gruppo, nelle prove che stanno per affrontare a Roma. Il fatto mistico vissuto da Ignazio ebbe una profonda ripercussione negli inizi della COMPAGNIA DI GESU’. Ignazio si sentiva intimamente unito a Cristo e volle che la COMPAGNIA che stava nascendo fosse totalmente dedicata a Lui e ne portasse il nome. Un nome che era tutto un programma: essere COMPAGNI DI GESU’, arruolati sotto la bandiera della CROCE , per dedicarsi al servizio di Dio e al bene del prossimo. Programma che in seguito si concreterà nella formula dell’Istituto della COMPAGNIA. (da Storia della Vocazione e della Missione di Ignazio di LoyolaAutobiografia

ORAZIONE: O Dio, che a gloria del tuo nome hai suscitato nella Chiesa Sant’Ignazio di Loyola, concedi anche a noi, con il suo aiuto e il suo esempio, di combattere la buona battaglia del Vangelo, per ricevere in cielo la corona dei santi. Per Cristo nostro Signore. Amen Alleluia!

“Vorrei dirvi una cosa che si riferisce a Sant’Ignazio di Loyola. Nell’autunno del 1537, andando a Roma con il gruppo dei suoi primi compagni si chiese: se ci domanderanno chi siamo, che cosa risponderemo? Venne spontanea la risposta: Diremo che siamo la Compagnia di Gesù. Un nome impegnativo, che voleva indicare un rapporto di strettissima amicizia, di affetto totale per Gesù di cui volevano seguire le orme” (Papa Francesco)

+AD MAIOREM DEI GLORIAM+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *