Credo; ma tu aiuta la mia incredulità!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mi-piace-pj.jpg

Il servizio che svolgo come assistente spirituale in ospedale mi porta spesso a incontrarmi faccia a faccia con la sofferenza, non solo quella dalla persona ammalata ma anche quella delle loro famiglie.

Sono certo che davanti alla sofferenza e al dolore l’atteggiamento meno inadeguato è quello del rispetto che sa vestire il silenzio perché in una situazione di fragilità il rischio che una parola sia interpretata male è molto grande.

Ma a volte questa parola mi viene richiesta. Molte volte mi è capitato di sentire la domanda: perché il Signore permette questo? Mentre scrivo penso a dei volti concreti, a degli occhi umidi che cercano di trovare qualcosa su cui poggiarsi, mani tremolanti che attendono un sostegno. Penso a delle persone, con il loro volto e il loro nome.

Cosa rispondo? Che il Signore è venuto a salvarci ma che non dobbiamo confondere la salvezza con una vita che non conosca la sofferenza e il dolore perché la fede non ci mette al riparo dei fallimenti di ogni genere. La salvezza piuttosto è avere un cuore pacificato. La pace è il grande dono che Gesù crocifisso e risorto desidera farci ora e non in un indeterminato futuro.

La pace. Infatti, a quel gruppetto di persone che avevano seguito Gesù più da vicino e che avendolo visto morire si sono lasciati prendere dallo scoraggiamento e dalla paura di fare la sua stessa fine, mentre erano nascosti, il Risorto appare e la prima cosa che dice è questa: “la pace sia con voi”. E così pian piano trovano il coraggio di uscire e di affrontare con speranza la vita.

Un cuore pacificato e sereno sa trovare le vie per attraversare le fredde foreste e le strategie per navigare in mezzo alle acque agitate dell’esistenza.

Nella sofferenza o davanti ad essa, la cosa più importante da chiedere al Padre è un cuore nella pace. E io posso testimoniare di averne incontrato tanti.

Per questo, come l’uomo del vangelo, grido a Gesù: “Io ci credo Signore, ma tu aiuta la mia incredulità”. E aumenta la mia fede!

Leggi e Pensaci!
Fratel Jonathan jc

100% LikesVS
0% Dislikes

2 commenti su “Credo; ma tu aiuta la mia incredulità!”

  1. …che queste parole diventino la mia preghiera: “Come l’uomo del vangelo, grido a te Gesù: “Io ci credo Signore, ma tu aiuta la mia incredulità”. E aumenta la mia fede!” Amen 🙏

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.