L’amore ci rende liberi

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mi-piace-pj.jpg

Il desiderio del Signore al momento di fare uscire Israele dall’Egitto era quello di creare un popolo libero dalla schiavitù e libero per servire. Libertà e servizio non sono contrari, anzi sono come il binario su cui viaggia l’amore. 

Il primo ad agire secondo questa dinamica è Dio stesso. Essendo libero si mette a servizio dell’umanità. Questo non significa che Egli riceva ordini dagli uomini. Il nostro Dio, diceva il mio professore di Sacra Scrittura, non è un “Dio carriola” che possiamo prendere in mano e portarlo dove vogliamo. Dunque, non è un Dio che si fa comandare ma un Dio servizievole. Un Dio che fa il primo passo.

A pensarci è una cosa meravigliosa, tuttavia non sempre riusciamo ad accettarla per ragioni diverse. È capitato per esempio a san Pietro durante la lavanda dei piedi: «Signore, tu lavi i piedi a me? Non mi laverai mai i piedi!». Si ribella all’iniziativa di Gesù e non accetta che egli, il Signore, si comporti come un umile servo. Pensa che dovrebbe essere lui a dover lavare i piedi al Maestro. In fondo Pietro non accetta che sia Dio a servire l’uomo, che sia Lui a prendere l’iniziativa. Detto in altra forma, Pietro fa fatica a lasciarsi amare, non comprende come mai il Signore lo ami in un modo così forte che addirittura si mette in ginocchio ai suoi piedi.

Forse la fatica di Pietro è anche la nostra. Forse anche noi qualche volta non riusciamo ad accettare l’amore folle di Dio perché ci consideriamo indegni, perché crediamo di dover essere noi a “conquistarci” la sua attenzione. Invece no. L’amore del Signore ci precede sempre e tutto quello che noi facciamo è solo un tentativo di dire “grazie” a Lui. E l’amore ci rende liberi. Liberi di metterci anche noi al servizio degli altri perché, come disse Gesù ai suoi discepoli la sera in cui lavò i piedi a tutti, Giuda compreso, «vi ho dato un esempio perché anche voi facciate come io ho fatto a voi».

Lasciamoci amare e viviamo in atteggiamento di servizio. È questa la vera libertà!

Pensaci! 👍🏽
Fratel Jonathan jc

100% LikesVS
0% Dislikes

6 commenti su “L’amore ci rende liberi”

  1. …il Suo… un puro e autentico Amore!!! Spogliatosi dall’Essere Dio, fattosi uomo, sopportando ogni cosa, per noi! E cosa ci chiede? … AMARE!!!

    “La sola cosa che si possiede è l’amore che si dà”

    1. L’amore è l’unica cosa che aumenta quando si divide,o meglio, quando si condivide.
      Un caro saluto alla tua bella famiglia!

  2. Grazie per l’esempio che ci hai oggi ricordato, infatti è difficile accettare che sia il Padre a fare il primo passo ma è anche vero che dovremo seguire il Suo esempio verso gli altri

    1. “Amatevi non a parole ma con i fatti”, ci ricorda l’evangelista Giovanni. Saremo in grado di amare nella misura in cui ci lasciamo amare dal Padre.
      Grazie del vostro commento!

  3. Amare una persona è una scelta. Una scelta che arriva dopo l’infatuazione, l’attrazione e il confronto della propria con la vita altrui. Il legame sentimentale è un legame che rende ancora più liberi di quando si è single,perché grazie alla relazione con l’altro ci si sente forti di poter essere.

    1. Amare è una scelta. Proprio vero. “Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi”, parole di vangelo, parole buone di Gesù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.